REZUM - Trattamento mininvasivo per l’ostruzione da IPB

Trattamento Prostata - IPB

Postato da dott. Emanuele Scarponi

Cosa é

E’ un trattamento endoscopico minivasivo per l’ostruzione da IPB, che sfruttando l’energia del vapore acqueo viene rilasciata, nell’adenoma prostatico, energia termica che provoca denaturazione delle membrane cellulari con conseguente “morte” cellulare. Questo, fa si, che nel giro di qualche giorno fino a qualche settimana dopo la procedura, l’adenoma prostatico si riduce di dimensioni, riducendo quindi il volume prostatico, migliorando i sintomi ostruttivi e aumentando il flusso urinario.

Come funziona la procedura

Viene introdotto nell’uretra peniena lo strumento endoscopico sino ad arrivare ai lobi prostatici. Dallo strumento fuoriesce un ago che penetra nel lobo prostatico da trattare, dopo essere penetrato viene attivato il generatore di vapore acqueo (per qualche secondo), stessa identica procedura viene fatta per il lobo opposto. Negli adenomi prostatici di notevoli dimensioni potrebbero essere necessari più trattamenti per lobo. Terminata la procedura verrà posizionato un catetere vescicale che verrà mantenuto per qualche giorno.

Il catetere vescicale si rende necessario perchè il trattamento induce edema (gonfiore) dei tessuti prostatici e potrebbe i primi giorni ostacolare la minzione o dare disturbi irritativi.

I giorni successivi al trattamento viene rimosso il CV e dopo 2-4 settimane il paziente inizia a avvertire i benefici del trattamento. Trascorsi 2/3 mesi si completa l’effetto di riduzione del trattamento e si possono valutare i risultati effettivi della procedura attraverso l’esecuzione di una Uroflussometria post-minzionale .

A chi è rivolto

  • Pazienti con volumi prostatici superiori ai 30 cc
  • Pazienti con indicazione ad essere disostruiti chirurgicamente ma che per comorbidità non possono essere sottoposti a chirurgica tradizionale o a anestesia.
  • Pazienti che non vogliono eseguire una chirurgia tradizionale per il rischio di avere come complicanza “eiaculazione retrograda”

Vantaggi

  • Procedura mininvasiva che può essere eseguita anche in ambulatorio
  • Decorso post-operatorio senza sanguinamenti
  • L’eiaculazione retrograda quasi sempre presente dopo un intervento chirurgico disostruttivo è una conseguenza rara dopo il trattamento con REZUM

Svantaggi

Rispetto al gold standard (TURP) non si conoscono risultati a lungo termine, gli studi attuali arrivano comunque a 4 anni con buoni risultati.

In caso di risultati non soddisfacenti il paziente potrà comunque essere sottoposto a una classica procedura chirurgica endoscopica.

 

Per informazione e/o prenotazioni, cliccare qui

 

 

Condividi